.
Annunci online

 
Diario
 


Claudio Ossani



 


 





      

>Repubblica Romana, miracolo laico
>Il Compleanno di Pippo



VISIONI



Sala 2008
>Non è mai troppo tardi
>American Gangster
>Lussuria - Seduzione e tradimento

Sala 2007
>Uno su Due
>Il matrimonio di Tuya 
>I Robinson - Una famiglia spaziale
>Paprika - Sognando un sogno (*)

Sala 2006
>World Trade Center
>Scoop
>Miami Vice
>Il mercante di pietre
>Nuovomondo
>Belle toujours – Bella sempre
>The Queen
>The Black Dahlia
>Cars - Motori Ruggenti
>Domino
>Superman Returns
>Free Zone
>Piano 17
>La Spina del Diavolo
>United 93
>Cacciatore di teste
>L'enfer
>Omen - Il presagio
>American Dreamz
>La Casa del Diavolo
>Bubble
>Anche libero va bene
>Felix - Il coniglietto giramondo (*)
>Truman Capote - A sangue freddo
>North Country - Storia di Josey
>Jarhead
>Senza destino - Fateless
>Munich
>Match Point
>The New World - Il nuovo mondo
>Lady Henderson Presenta
>Lady Vendetta (*)
>The Constant Gardener - La cospirazione
>I segreti di Brokeback Mountain (*)
>L'incubo di Darwin

Mostra di Venezia 2006
venezia63
>Bobby (*)
>Children of men
>Daratt (Dry Season) (*)
>Ejforija (Euphoria) (*)
>Fallen
>Fangzhu (Exiled) (*)
>Hei yanquan (I Don’t Want to Sleep Alone)
>Hollywodland (*)
>La stella che non c'è
>L’Intouchable
>Mushishi (Bugmaster) (*)
>Nue propriété
>Nuovomondo (Golden Door) (*)
>Paprika (*)
>Quei loro incontri
>Sang sattawat (Syndromes and a Century)
>Sanxia haoren (Still Life)
>The Black Dahlia (*)
>The Fountain
>The Queen
>Zwartboek (*)
fuori concorso
>Belle toujours
>Gedo senki (Tales from Earthsea)
>INLAND EMPIRE (*/*)
>Jakpae (The city of violence)
>Ostrov (The Island)
>Quelques jours en septembre
>Rob-B-Hood
>Sakebi (Retribution)
>Summer love
>The wicker man
>World Trade Center (*)
eventi speciali
>David 50
orizzonti
>Non prendere impegni stasera
>Suely in the Sky
>Tachiguishi retsuden (The Amazing Lives of the Fast Food Grifters) (*)
>The Hottest State (*)
>The U.S. vs. John Lennon (*)
eventi speciali orizzonti
>Il mio paese
giornate degli autori
>Azul oscuro casi negro
>Come l'ombra
>Khadak
>L'etoile du soldat
>L'udienza è aperta
>Mientras tanto
>Offscreen (*)
>WWW, What a Wonderful World
settimana della critica
>Egyetleneim
>Yi nian zhichu (Do over) (*)
corto cortissimo
>Detektive
>Pharmakon
>Treinta Años
>Um año mais longo
>What Does Your Daddy Do?

Biografilm festival 2006
selezione ufficiale
>How to eat Your Watermelon in White Company (And Enjoy It) (*)
>The Self-Made Man
>Una voce nel vento (*)
Biografilm 2006
>American Dreamz
>Citadel
focus
>Le grandi avventure dell’ammiraglio Zheng He
>Utopie future - I parchi a tema di Walt Disney (A Day at Disneyland, Disneyland from Dream to Reality, Fantasy at Disneyland, Vacation Kingdom at Walt Disney World, Walt Disney World)
Morte ogni pomeriggio
>The Self-Made Man
eventi speciali
>Maria Antonietta
>Sulle tracce di Riccardo Gualino
>Tupperware!

Sala 2005 - classificinemio
>Breaking News
>Le Cronache di Narnia - Il leone, la strega e l'armadio
>L'Ignoto Spazio Profondo
>Il Sole
>Il gusto dell'anguria
>Me and you and eveyone we know
>L'arco
>Chicken little - amici per le penne
>L'enfant - una storia d'amore
>Valiant
>Kirikù e gli animali selvaggi
>Gaya
>King Kong
>A History of Violence
>Broken Flowers
>Zucker! ...come diventare Ebreo in 7 giorni
>I Fratelli Grimm e l'Incantevole Strega
>Wolf Creek
>Goal!
>La Marcia dei Pinguini
>Melissa P.
>Madagascar
>Crash - contatto fisico
>Vai e vivrai
>La Rosa Bianca - Sophie Scholl
>Niente da nascondere
>Elizabethtown
>Oliver Twist
>SpongeBob - Il film
>La Tigre e la Neve
>L'impero dei Lupi
>Non bussare alla mia porta
>Four Brothers
>Romanzo criminale
>La Fabbrica di Cioccolato (*)
>Good Night, And Good Luck.
>Il Castello errante di Howl
>The Descent
>La seconda notte di nozze
>La bestia nel cuore
>La Sposa Cadavere
>La Passione di Giosuè l'ebreo
>Texas
>I giorni dell'abbandono
>Mary
>Cinderella Man
>Seven swords
>Triple agent
>La Samaritana
>The Island
>Riding Giants
>Un tocco di Zenzero
>La piccola Lola
>La Mia Vita A Garden State
>Original Child Bomb
>Saimir
>Blueberry
>The Iron Ladies
>Un silenzio particolare
>Ma quando arrivano le ragazze? (*)
>La Terra dei Morti viventi
>Dogtown and Z-Boys
>Clean
>L'educazione sentimentale di Eugénie
>Lords of Dogtown
>Alexander
>La Guerra dei Mondi
>The Woodsman –Il segreto–
>Being Julia - La Diva Julia
>Batman Begins
>Le Pagine Della Nostra Vita
>La schivata
>Le Crociate - Kingdom of Heaven
>La storia del Cammello che piange
>Sin City
>Quo Vadis, Baby?
>Stage Beauty
>La caduta
>Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith
>Quando sei nato non puoi più nasconderti
>Gioco di Donna
>Old boy
>Striscia, una zebra alla riscossa
>Robots
>La Stella di Laura
>Millions
>Sword in the moon
>Profondo Blu
>Shark Tale
>Le passeggiate al campo di Marte
>La morte sospesa
>Lemony Snicket - Una serie di sfortunati eventi
>Hotel Rwanda
>Bérbablù (*)
>La vita è un miracolo
>Private
>Neverland - Un sogno per la vita
>Million Dollar Baby (*)
>Il mercante di Venezia
>Una Lunga domenica di Passioni
>36 Quai des Orfèvres
>The Aviator
>Alla luce del sole
>Steamboy
>Il Quinto Impero - Ieri come Oggi
>Criminal

Corti 2005
>Gone Nutty
>Jack-Jack Attack
>The Madagascar Penguins in a Christmas Caper
>Wonderful Winter

Mostra di Venezia 2005
venezia 62
>Brokeback Mountain
>Everlasting Regret
>Garpastum
>I giorni dell'abbandono
>La bestia nel cuore
>La seconda notte di Nozze
>Mary
>The Constant Gardener
orizzonti
>Moto perpetuo
>Texas
giornate degli autori
>La passione di Giosuè l'ebreo
>Parabola
settimana della critica
>Belzec
fuori concorso
>Cinderella Man
>Edmond
>Le parfum de la dame en noir
>The Descent
>Tim Burton's Corpse Bride
eventi speciali
>Nausicaa of the Valley of the Wind
corto cortissimo
>113
>Au Petit Matin
>Ballada
>Da ikhos dghech chveni dghe dghegrdzeli
>Happy Birthday
>La Apertura
>The Mechanicals

Le Parole dello Schermo 2005
>America Oggi
>Cuore Selvaggio
>Mario Rigoni Stern (ritratto)
>La Maschera di Scimmia
>Salò o le 120 giornate di Sodoma
>Tempesta di ghiaccio

Sala 2004
>Storia di Marie e Julien
>La sposa turca
>Le conseguenze dell'amore
>Shrek 2
>El Cid - La leggenda
>Max Pax - Oltre i confini del tempo
>Melinda e Melinda
>Birth - Io sono Sean
>Confidenze troppo intime
>Gli incredibili - Una normale famiglia di supereroi
>Ferro 3 - la casa vuota
>Ocean's twelve
>Polar Express
>Donnie Darko
>Babbo bastardo
>L'uomo senza sonno
>Camminando sull'acqua
>Se mi lasci ti cancello
>Garfield
>La profezia delle ranocchie
>Collateral
>Due fratelli
>The Terminal
>Mucche alla riscossa
>Il segreto di Vera Drake

CULT
>La Classe Dirigente
>Delicatessen
>Ecce Bombo
>Giulietta degli spiriti
>Non si sevizia un paperino
>Una Notte all'Opera
>Ratataplan
>Totò, Peppino e... la malafemmina

VISIONI digitali versatili
>La Casa dei 1000 corpi
>Confessioni di una mente pericolosa
>Dopo mezzanotte
>La finestra di fronte
>La leggenda degli uomini straordinari
>La Maledizione dello Scorpione di Giada
>Il mestiere delle armi
>Moonlight mile
>Platoon
>Quando Eravamo Re
>Red Dragon
>Salvador
>Sognando Beckham
>Tokyo Godfathers
>Veronica Guerin

teleVISIONI
>Ju-on

reVISIONI
>Balla coi lupi
>Mystic River
>Momo alla conquista del tempo
>Il Pianista
>Il Popolo Migratore

condiVISIONI
>Bérbablù (*)
>Giro di giostra
>Provincia meccanica

NOTTE HORROR CLUB
>Hellbound: Hellraiser II
>Hellraiser
>Hellraiser III: Hell on Earth
>Scanners
>Soul Survivors - Altre vite

IL CINEMA DELLA MEMORIA
>Gli assassini sono tra noi (*)
>Le Bal de pompiers
>Ballata berlinese
>Il bandito
>Il caso Blum
>Dramma al Velodromo d’Inverno
>È accaduto in Europa
>L'ebreo errante
>Fiamme su Varsavia (*,*)
>Germania anno zero
>Giarabub
>Jakob il bugiardo
>Kapò
>Liebe ‘47
>Luciano Serra pilota
>M - Il mostro di Dusseldorf
>Maître après Dieu
>Matrimonio nell'ombra
>Mentre Parigi dorme
>Noi vivi - Addio Kira!
>Notte e nebbia
>Paisà (*)
>Passaporto per Pimlico
>Piccoli detectives
>Ritorna la vita (Le Rétour d’Antoine, Le Rétour de Jean, Le Rétour de Louis, Le Rétour de René, Le Rétour de tante Emma)
>Roma, città aperta
>Schindler’s List
>Sciuscià
>La settima stanza
>Sono un criminale
>Stelle
>La strada è lunga
>Süss l’ebreo
>L'ultima tappa (*,*)
>La Vita è bella

INSTALLAZIONI
>Istituto Paradiso

 



URGENZE
vostre, senza fretta le risposte



 



PARACULATE
Questo blog non è caratterizzato da regolare periodicità, non è quindi da considerarsi una testata giornalistica e pertanto non intende avvalersi delle provvidenze previste dalla legge numero 62 del 7 marzo 2001. Tutte le immagini, comprese quelle dalla toolbar, sono ricercate e copincollate liberamente dalla rete Internet. Se ne venisse fatta richiesta il proprietario del blog è disponibile sia ad indicarne gli autori sia a rimuoverle nel caso venissero lesi diritti di creazione. clos non è da considerarsi responsabile per i commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e/o criptata.

 




4 aprile 2005

>QUI SALA STAMPA PALAZZO MANFREDI

L'assessore rifondarolo che vende la pelle dell'orso prima di averlo ucciso, il babbo della Laura che si preparara a inculare comunisti e verdi, la Lega che tiene, l'Udc che crolla.




permalink | inviato da il 4/4/2005 alle 18:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


4 aprile 2005

>LA MIA SETTIMANA ELETTORALE - 7

Si comincia. Quattro alla Casa delle libertà, nove al centrosinistra. Si accettano tutte le combinazioni.




permalink | inviato da il 4/4/2005 alle 14:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


4 aprile 2005

>LA MIA SETTIMANA ELETTORALE - 6

Chi non l'ha ancora fatto, lo faccia. Manca un'ora. La storia cambia in molto meno.




permalink | inviato da il 4/4/2005 alle 13:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


4 aprile 2005

>UFFICIO DI TRIGESIMA

Era una comune professione di fede nella civiltà occidentale. Era un dispositivo militare integrato composto da contingenti dei singoli paesi membri. Era l'Organizzazione del trattato del nord Atlantico.
Era lunedì 4 aprile 1949.


June parlava quattro lingue, e ne scriveva e leggeva tre. Per il giapponese, prima delle quattro e codice domestico, occorreva ancora qualche lezioncina. Gli ideogrammi, in Occidente, fanno questo effetto anche per chi è di madrelingua. Per il resto era una ragazzina come le altre, consapevole però di non poter essere come tutte le altre.

Quello che ci colpì subito era che suo padre aveva lineamenti troppo italiani per convincerci con il suo tedesco perfetto, e che sua madre era troppo minuta e mora e con gli occhi a mandorla per passare come purosangue teutonica. Il fratello, poi, più piccolo, sembrava un folletto, saltellava come un matto e rideva in continuazione. Shion pareva uscito direttamente da un manga.

Dopo poco trovammo subito un’identificazione razziale: nippo-tedeschi, li chiamavano tra noi, che ad oltre 1000 metri in un paesino di un centinaio d’abitanti in Val Gardena, non ci si poteva confondere. Solo che, come previsto, il babbo dei nippo-tedeschi era italiano, di cognome faceva Maggio e i suoi genitori erano pugliesi, ma emigranti prima in Belgio e poi in Germania. Da lì lui prese il volo per il Sol levante. Motivi di lavoro, ci disse, una lingua terribile da imparare, la fame e come sempre i pochi soldi, poi l’amore, il matrimonio, i figli e di nuovo la Germania. Le vacanze, quell’anno, in Alto Adige, qualche passeggiata (ma la signora camminava poco), molto silenzio e tanto riposo.

Io, affascinato da June, intelligente e gentile, passavo le serate a giocare a Uno e a imparare parole e pronunce giapponesi, fino a che le ferie, brevi per i nippo-tedeschi, finirono e June non dovette far ritorno a casa, per tornare alla sua scuola dove le prime due lingue erano l’inglese e il francese, e la terza, poiché in Germania, il tedesco. Un college diplomatico, pensammo subito. Le lasciai il mio indirizzo, io, che con i corrispondenti non ho mai avuto fortuna e che l’inglese dovevo soprattutto studiarlo. Lei, invece, doveva cambiare casa, mi avrebbe scritto per prima, mi spiegò, ma l’indirizzo suo non me lo lasciò.

Mantenne la parola, e addirittura riprese con quelle parole giapponesi che aveva cominciato a scrivermi in montagna. Disegnava, e mi mandava i suoi fumetti, tali e quali a quelli che leggevo, come dire che quel tratto, quegli occhi, sono quasi innati, in Giappone.

Furono tre, o quattro, le lettere che partirono e arrivarono, poi, per oltre dieci mesi, di June, più niente. L’Occidente intanto sferrava il suo attacco decisivo sui Balcani, le mie lettere tornavano indietro, fino a quando non persi la speranza e ancora molto dopo, ecco, di nuovo lei, tornava a scrivermi, da una nuova casa, sempre in Germania, al confine con l’Olanda.

Durò poco, pochissimo. Dopo pochi mesi e un altro paio di scambi, più nulla. La corrispondenza cominciò a ritornare indietro. Mi chiedevo quale guerra si stesse preparando, mi convinsi subito che in realtà, forse, la situazione era più complessa.

Suo babbo, l’italiano, il pugliese, Maggio, aveva provato a spiegarci cosa faceva in Val Gardena. Una vacanza, veloce, senza dar nell’occhio, per lui, funzionario Nato, e la sua famiglia, costretta a seguirlo.

Dedicato alle figlie e ai figli di chi ogni giorno compie qualcosa di troppo grande e difficile da spiegare con un ideogramma giapponese. Dedicato alle figlie e ai figli delle donne e degli uomini che lavorano per l’Occidente, per la sicurezza, per la pace nel mondo. Dedicato a Nicola Calipari, agente segreto, eroe per caso.




permalink | inviato da il 4/4/2005 alle 6:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


4 aprile 2005

>PASSEGGIATA SOCIALISTA

Una recensione. Non esauriente, veloce, incompleta, che precisa poco e definisce meno, che sorvola su molto e salta i passaggi che dà per scontati. Ma davvero una bella recensione, perché rassegna umana dei pensieri ultimi dell’«Ultimo dei grandi presidenti», lezione, quasi, di una storia che è quella francese e che è quella europea, anche se quell’Europa alle porte porterà via parte del bene più prezioso alla Francia: la sua sovranità. Un percorso, più che l’autorità in sé, un percorso che per forza è politico e un’autorità, quella del presidente, messa in dubbio dall’ombra del collaborazionismo a Vichy, su cui Guédiguian cammina solo per accenni, inserendone altri come l’Algeria e l’orgoglio di fabbrica, della dignità e fierezza operaia, funzionali, anche, ad una storia privata di un giovane giornalista che si consuma all’Eliseo e rinasce in biblioteca. Perché è l’intimità ad essere al centro della visione progressista del presidente, ormai vecchio e quasi gentilmente e con l’immensità di Bouquet, oppresso da un devastante cancro alla prostata. È l’invito finale a salvarsi, a pensare alla vita come un percorso non da conservare o rivangare, ma da costruire e padroneggiare per essere liberi veramente e vivere veramente da liberi. È l’invito finale, il sogno socialista. Mitterand, il presidente, mai nominato, sempre riconosciuto.

Le passeggiate al campo di Marte (Le promeneur du champ de Mars, Francia, 2005, sala)
Regia di Robert Guédiguian




permalink | inviato da il 4/4/2005 alle 6:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


3 aprile 2005

>TRA MORTE, MONTAGNE E MOMENTI REALITY

Quello del docu-dramma è stato forse affibbiato frettolosamente. Non perché il film non risponda alle caratteristiche di genere, ma perché c’è qualcosa in più dell’intatto spirito documentarista e di quello drammatico ma obbligato. È il lavoro del regista di questo filmbook, che se proprio si devono fondere insieme parole, allora di questo si tratta, ossia di trovare le immagini, quelle visive, del famoso best-seller. Eppure, tra le interviste ai due protagonisti, ripresi sempre solo in volto quasi a nascondere quel corpo sottoposto a sofferenza e piegato alla volontà -ma anche alla volontà di sfida personale, alla sofferenza di compiere un’impresa al limite e ai limiti, fine a se stessa, o fine alla sola passione alpinista-, tra la ricostruzione degli eventi nella neve delle vette alpine e peruviane, che non possono fare altro che togliere il fiato e decidere da sole fotografia e sfocature, tra le parole di troppo e tra il senso terribilmente reale e gelido della vicenda, spunta, qua e là, una narrazione consapevole e gocce di pura emozione. La canzone dei Boney M. inchiodata nella mente e il crepaccio che «Non è un luogo adatto ai vivi» sfigurano ancora di più il protagonista e alimentano le paure e i rimorsi degli spettatori. È l’andare oltre che lascia sorpresi, il voler a tutti i costi farsi reality-show. O docu-reality-book.

La morte sospesa (Touching the Void, Regno Unito, 2003, sala)
Regia di Kevin Macdonald




permalink | inviato da il 3/4/2005 alle 18:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     marzo   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6  >>   maggio
 

 rubriche

Diario
Manfreda
Oggi, ieri
Scolpito
Cinemio
Ego
Mazziniana
Proscenio

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

COMANDO GENERALE
>Alcestis
>burning bright
>Clueless
>Estremo occidente
>gigante blu
>marioadinolfi
>mewe
>plurale
>precipitazioni sparse
>Pulp Fiction
>Riformismi
>Rimbalzi
>stefanello
>The Soppy Raccoon
>ValMadlene
>Vertigo
>Zitti al cinema.

UNITÀ CINEFILA
>A lost girl
>Ambiguo pesce
>cinemavistodame
>comavigile
>Cooper
>Desordre
>Diciassette pollici
>[di passaggio]
>Directedby
>emanuelazini
>filmleo
>freestate
>gozu
>grazie, davvero
>Ile de France
>Il Perditempo
>Il weblog di Gokachu
>Insegna provvisoria
>Memorie di un Giovane Cinefilo
>Murda Moviez
>secondavisione
>sgomberonte
>Soft Bullettin
>spoiling days cinema
>The Critic
>Xanadu

UNITÀ POLITICA
>Butirrometro
>carlomenegante
>CeceniaSOS
>esperimento
>Galileo
>harry's blog
>herakleitos
>il salotto di avy candelotto
>inoz
>invarchi
>kamau
>liberissimo
>malvino
>olifante
>santaopposizione
>titollo
>Waterġate

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom