.
Annunci online

 
Diario
 


Claudio Ossani



 


 





      

>Repubblica Romana, miracolo laico
>Il Compleanno di Pippo



VISIONI



Sala 2008
>Non è mai troppo tardi
>American Gangster
>Lussuria - Seduzione e tradimento

Sala 2007
>Uno su Due
>Il matrimonio di Tuya 
>I Robinson - Una famiglia spaziale
>Paprika - Sognando un sogno (*)

Sala 2006
>World Trade Center
>Scoop
>Miami Vice
>Il mercante di pietre
>Nuovomondo
>Belle toujours – Bella sempre
>The Queen
>The Black Dahlia
>Cars - Motori Ruggenti
>Domino
>Superman Returns
>Free Zone
>Piano 17
>La Spina del Diavolo
>United 93
>Cacciatore di teste
>L'enfer
>Omen - Il presagio
>American Dreamz
>La Casa del Diavolo
>Bubble
>Anche libero va bene
>Felix - Il coniglietto giramondo (*)
>Truman Capote - A sangue freddo
>North Country - Storia di Josey
>Jarhead
>Senza destino - Fateless
>Munich
>Match Point
>The New World - Il nuovo mondo
>Lady Henderson Presenta
>Lady Vendetta (*)
>The Constant Gardener - La cospirazione
>I segreti di Brokeback Mountain (*)
>L'incubo di Darwin

Mostra di Venezia 2006
venezia63
>Bobby (*)
>Children of men
>Daratt (Dry Season) (*)
>Ejforija (Euphoria) (*)
>Fallen
>Fangzhu (Exiled) (*)
>Hei yanquan (I Don’t Want to Sleep Alone)
>Hollywodland (*)
>La stella che non c'è
>L’Intouchable
>Mushishi (Bugmaster) (*)
>Nue propriété
>Nuovomondo (Golden Door) (*)
>Paprika (*)
>Quei loro incontri
>Sang sattawat (Syndromes and a Century)
>Sanxia haoren (Still Life)
>The Black Dahlia (*)
>The Fountain
>The Queen
>Zwartboek (*)
fuori concorso
>Belle toujours
>Gedo senki (Tales from Earthsea)
>INLAND EMPIRE (*/*)
>Jakpae (The city of violence)
>Ostrov (The Island)
>Quelques jours en septembre
>Rob-B-Hood
>Sakebi (Retribution)
>Summer love
>The wicker man
>World Trade Center (*)
eventi speciali
>David 50
orizzonti
>Non prendere impegni stasera
>Suely in the Sky
>Tachiguishi retsuden (The Amazing Lives of the Fast Food Grifters) (*)
>The Hottest State (*)
>The U.S. vs. John Lennon (*)
eventi speciali orizzonti
>Il mio paese
giornate degli autori
>Azul oscuro casi negro
>Come l'ombra
>Khadak
>L'etoile du soldat
>L'udienza è aperta
>Mientras tanto
>Offscreen (*)
>WWW, What a Wonderful World
settimana della critica
>Egyetleneim
>Yi nian zhichu (Do over) (*)
corto cortissimo
>Detektive
>Pharmakon
>Treinta Años
>Um año mais longo
>What Does Your Daddy Do?

Biografilm festival 2006
selezione ufficiale
>How to eat Your Watermelon in White Company (And Enjoy It) (*)
>The Self-Made Man
>Una voce nel vento (*)
Biografilm 2006
>American Dreamz
>Citadel
focus
>Le grandi avventure dell’ammiraglio Zheng He
>Utopie future - I parchi a tema di Walt Disney (A Day at Disneyland, Disneyland from Dream to Reality, Fantasy at Disneyland, Vacation Kingdom at Walt Disney World, Walt Disney World)
Morte ogni pomeriggio
>The Self-Made Man
eventi speciali
>Maria Antonietta
>Sulle tracce di Riccardo Gualino
>Tupperware!

Sala 2005 - classificinemio
>Breaking News
>Le Cronache di Narnia - Il leone, la strega e l'armadio
>L'Ignoto Spazio Profondo
>Il Sole
>Il gusto dell'anguria
>Me and you and eveyone we know
>L'arco
>Chicken little - amici per le penne
>L'enfant - una storia d'amore
>Valiant
>Kirikù e gli animali selvaggi
>Gaya
>King Kong
>A History of Violence
>Broken Flowers
>Zucker! ...come diventare Ebreo in 7 giorni
>I Fratelli Grimm e l'Incantevole Strega
>Wolf Creek
>Goal!
>La Marcia dei Pinguini
>Melissa P.
>Madagascar
>Crash - contatto fisico
>Vai e vivrai
>La Rosa Bianca - Sophie Scholl
>Niente da nascondere
>Elizabethtown
>Oliver Twist
>SpongeBob - Il film
>La Tigre e la Neve
>L'impero dei Lupi
>Non bussare alla mia porta
>Four Brothers
>Romanzo criminale
>La Fabbrica di Cioccolato (*)
>Good Night, And Good Luck.
>Il Castello errante di Howl
>The Descent
>La seconda notte di nozze
>La bestia nel cuore
>La Sposa Cadavere
>La Passione di Giosuè l'ebreo
>Texas
>I giorni dell'abbandono
>Mary
>Cinderella Man
>Seven swords
>Triple agent
>La Samaritana
>The Island
>Riding Giants
>Un tocco di Zenzero
>La piccola Lola
>La Mia Vita A Garden State
>Original Child Bomb
>Saimir
>Blueberry
>The Iron Ladies
>Un silenzio particolare
>Ma quando arrivano le ragazze? (*)
>La Terra dei Morti viventi
>Dogtown and Z-Boys
>Clean
>L'educazione sentimentale di Eugénie
>Lords of Dogtown
>Alexander
>La Guerra dei Mondi
>The Woodsman –Il segreto–
>Being Julia - La Diva Julia
>Batman Begins
>Le Pagine Della Nostra Vita
>La schivata
>Le Crociate - Kingdom of Heaven
>La storia del Cammello che piange
>Sin City
>Quo Vadis, Baby?
>Stage Beauty
>La caduta
>Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith
>Quando sei nato non puoi più nasconderti
>Gioco di Donna
>Old boy
>Striscia, una zebra alla riscossa
>Robots
>La Stella di Laura
>Millions
>Sword in the moon
>Profondo Blu
>Shark Tale
>Le passeggiate al campo di Marte
>La morte sospesa
>Lemony Snicket - Una serie di sfortunati eventi
>Hotel Rwanda
>Bérbablù (*)
>La vita è un miracolo
>Private
>Neverland - Un sogno per la vita
>Million Dollar Baby (*)
>Il mercante di Venezia
>Una Lunga domenica di Passioni
>36 Quai des Orfèvres
>The Aviator
>Alla luce del sole
>Steamboy
>Il Quinto Impero - Ieri come Oggi
>Criminal

Corti 2005
>Gone Nutty
>Jack-Jack Attack
>The Madagascar Penguins in a Christmas Caper
>Wonderful Winter

Mostra di Venezia 2005
venezia 62
>Brokeback Mountain
>Everlasting Regret
>Garpastum
>I giorni dell'abbandono
>La bestia nel cuore
>La seconda notte di Nozze
>Mary
>The Constant Gardener
orizzonti
>Moto perpetuo
>Texas
giornate degli autori
>La passione di Giosuè l'ebreo
>Parabola
settimana della critica
>Belzec
fuori concorso
>Cinderella Man
>Edmond
>Le parfum de la dame en noir
>The Descent
>Tim Burton's Corpse Bride
eventi speciali
>Nausicaa of the Valley of the Wind
corto cortissimo
>113
>Au Petit Matin
>Ballada
>Da ikhos dghech chveni dghe dghegrdzeli
>Happy Birthday
>La Apertura
>The Mechanicals

Le Parole dello Schermo 2005
>America Oggi
>Cuore Selvaggio
>Mario Rigoni Stern (ritratto)
>La Maschera di Scimmia
>Salò o le 120 giornate di Sodoma
>Tempesta di ghiaccio

Sala 2004
>Storia di Marie e Julien
>La sposa turca
>Le conseguenze dell'amore
>Shrek 2
>El Cid - La leggenda
>Max Pax - Oltre i confini del tempo
>Melinda e Melinda
>Birth - Io sono Sean
>Confidenze troppo intime
>Gli incredibili - Una normale famiglia di supereroi
>Ferro 3 - la casa vuota
>Ocean's twelve
>Polar Express
>Donnie Darko
>Babbo bastardo
>L'uomo senza sonno
>Camminando sull'acqua
>Se mi lasci ti cancello
>Garfield
>La profezia delle ranocchie
>Collateral
>Due fratelli
>The Terminal
>Mucche alla riscossa
>Il segreto di Vera Drake

CULT
>La Classe Dirigente
>Delicatessen
>Ecce Bombo
>Giulietta degli spiriti
>Non si sevizia un paperino
>Una Notte all'Opera
>Ratataplan
>Totò, Peppino e... la malafemmina

VISIONI digitali versatili
>La Casa dei 1000 corpi
>Confessioni di una mente pericolosa
>Dopo mezzanotte
>La finestra di fronte
>La leggenda degli uomini straordinari
>La Maledizione dello Scorpione di Giada
>Il mestiere delle armi
>Moonlight mile
>Platoon
>Quando Eravamo Re
>Red Dragon
>Salvador
>Sognando Beckham
>Tokyo Godfathers
>Veronica Guerin

teleVISIONI
>Ju-on

reVISIONI
>Balla coi lupi
>Mystic River
>Momo alla conquista del tempo
>Il Pianista
>Il Popolo Migratore

condiVISIONI
>Bérbablù (*)
>Giro di giostra
>Provincia meccanica

NOTTE HORROR CLUB
>Hellbound: Hellraiser II
>Hellraiser
>Hellraiser III: Hell on Earth
>Scanners
>Soul Survivors - Altre vite

IL CINEMA DELLA MEMORIA
>Gli assassini sono tra noi (*)
>Le Bal de pompiers
>Ballata berlinese
>Il bandito
>Il caso Blum
>Dramma al Velodromo d’Inverno
>È accaduto in Europa
>L'ebreo errante
>Fiamme su Varsavia (*,*)
>Germania anno zero
>Giarabub
>Jakob il bugiardo
>Kapò
>Liebe ‘47
>Luciano Serra pilota
>M - Il mostro di Dusseldorf
>Maître après Dieu
>Matrimonio nell'ombra
>Mentre Parigi dorme
>Noi vivi - Addio Kira!
>Notte e nebbia
>Paisà (*)
>Passaporto per Pimlico
>Piccoli detectives
>Ritorna la vita (Le Rétour d’Antoine, Le Rétour de Jean, Le Rétour de Louis, Le Rétour de René, Le Rétour de tante Emma)
>Roma, città aperta
>Schindler’s List
>Sciuscià
>La settima stanza
>Sono un criminale
>Stelle
>La strada è lunga
>Süss l’ebreo
>L'ultima tappa (*,*)
>La Vita è bella

INSTALLAZIONI
>Istituto Paradiso

 



URGENZE
vostre, senza fretta le risposte



 



PARACULATE
Questo blog non è caratterizzato da regolare periodicità, non è quindi da considerarsi una testata giornalistica e pertanto non intende avvalersi delle provvidenze previste dalla legge numero 62 del 7 marzo 2001. Tutte le immagini, comprese quelle dalla toolbar, sono ricercate e copincollate liberamente dalla rete Internet. Se ne venisse fatta richiesta il proprietario del blog è disponibile sia ad indicarne gli autori sia a rimuoverle nel caso venissero lesi diritti di creazione. clos non è da considerarsi responsabile per i commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e/o criptata.

 




25 novembre 2004

>MASSONE E PRIMO CITTADINO

Era convintissimo. La sua azione sociale e patriottica passava direttamente attraverso il suo essere massone. Gran Maestro, per la precisione, dal 1895.

Ernesto Nathan era nato a Londra il 5 ottobre 1845 da un agente di cambio, Mayer Moses, e da Sara Levi, stretta da un forte legame con Giuseppe Mazzini al punto di curare di persona, dopo la morte del Maestro, la diffusione del suo pensiero sostenendo la stampa repubblicana e dedicandovi tempo, attenzione e denaro.

Ernesto trascorse il suo primo e brevissimo periodo in Italia nel 1859, dopo aver vissuto a Parigi e a Londra, città in cui studiava economia. Nel 1860, comunque, raggiunge Lugano dove trova occupazione come precettore e insegnante di lingua inglese. Il suo arrivo a Roma, successivo ad una permanenza milanese, avviene nel 1870 grazie all’intervento di Mazzini che gli affida l’amministrazione del periodico «La Roma del Popolo», giornale che cesserà le pubblicazioni l’anno immediatamente successivo. Nathan continua però a collaborare con altre testate, come «L’emancipazione» e «Il dovere», cercando sempre di entrare nel campo politico che sentiva più vicino alla sua personalità.

Da sempre apertamente anticlericale, nel 1879 si accostò ai parlamentari della sinistra radicale legalitaria e nel 1887 Ernesto entrò a far parte della Massoneria.

Per il suo ingresso ufficiale in politica non restava altro che aspettare il riconoscimento della cittadinanza italiana, ottenuta il 4 aprile 1888. Iscritto al Partito repubblicano italiano, fu la simpatia dell’allora presidente del Consiglio Francesco Crispi a consentirgli di diventare consigliere provinciale della città di Pesaro, in cui risiederà fino al 1895.

Nell’aprile di quattro anni più tardi, Nathan entra a far parte del Consiglio comunale di Roma, eletto nelle file del Blocco popolare costituito da Crispi, il 3 dicembre viene eletto assessore e una ventina di giorni più tardi gli viene affidato l’ufficio dell’Economato e dei beni culturali.

Sono soltanto i primi passi della sua attività politica nella capitale che culminerà con l’elezione a sindaco di Roma, alla guida di una giunta laica e democratica.

Era lunedì 25 novembre 1907.

Ernesto Nathan darà vita ad un’imponente opera amministrativa che procedette alla municipalizzazione dei servizi pubblici, allo sviluppo dell’edilizia popolare e che, durante i suoi sei anni di mandato, toccherà campi importanti quali il settore scolastico e quello sanitario, con un unico obiettivo sempre presente: dare a Roma un governo autonomo e indipendente dal potere della Chiesa, testimonianza vera e autentica del passaggio di Roma a città finalmente moderna. Da bravo massone.




permalink | inviato da il 25/11/2004 alle 17:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 novembre 2004

>MENO TASSE PER TUTTI

Di economia conosco davvero poco e niente. Per giunta le tasse me le pagano pure e, da bravo figlio mantenuto, non ho nemmeno problemi ad arrivare alla fine del mese. Qualche soldino lo guadagno, mi ci pago quello che mi piace, quello che mi serve fortunatamente mi è concesso da oltre vent’anni.

Eppure questa vicenda del «taglio-delle-tasse-per-far-ripartire-i-consumi-e-rilanciare-così-l’economia» mi incuriosisce. Soprattutto perché qualche tassa la devo cominciare a pagare anch’io.

Insomma, è chiaro che il ragionamento è di più alto respiro e profilo, ma guardando al mio portafoglio mi sorge qualche dubbio. Mi chiedo ad esempio perché, a seguito della riforma del mercato del lavoro, un giovane studente che collabora da quattro anni con un settimanale di provincia sia costretto, da un giorno all’altro, a rinunciare a diverse mensilità dello stipendio che gli viene riconosciuto per continuare a fare esattamente quello che faceva prima. Mi chiedo come mai l’iscrizione all’Ordine diventi vincolante e mi chiedo perché questa non sia considerata come una tassa da tagliare.

Mi chiedo anche perché le stesse norme costringano il collaboratore ad iscriversi ad un istituto di previdenza, per una pensione avvertita lontana e insicura, e mi chiedo ancora se questa possa essere considerata una di quelle tasse di cui tanto si discute, ma che nessuno pensa di tagliare.

In ogni caso, credo, il problema resta lo stesso. Sia si parli di lavoratori dipendenti, di liberi professionisti, di grandi e piccoli imprenditori, di commercianti o artigiani, di giovani studenti con qualche impegno più per passione e speranza che per la reale retribuzione economica, non è tanto il pagamento della tassa in sé per sé a portare malumore o malcontento, quanto più il non riuscire a capire bene a cosa serve, come, quanto e perché.




permalink | inviato da il 24/11/2004 alle 19:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


23 novembre 2004

>LA SINISTRA CHE MI PIACE

«Perché dovremmo essere noi il popolo della sinistra progressista che dice che è una cosa terribile portare la democrazia in questi paesi? E quando gli americani dichiarano che vogliono esportare la democrazia in questi paesi, o diffondere la democrazia e i diritti umani in tutto il Medio oriente con l’iniziativa per il Medio Oriente allargato, la gente dice che questo fa parte dell’agenda neoconservatrice. In realtà, se la si esprime in un linguaggio diverso, questa è un’agenda progressista». Tony Blair.




permalink | inviato da il 23/11/2004 alle 12:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa


23 novembre 2004

>IN CERCA DI GESU'

Comunicazioni ai fedeli dalle bacheche parrocchiali.

Ricordate nella preghiera tutti quanti sono stanchi e sfiduciati della nostra parrocchia.

Per tutti quanti tra voi hanno figli e non lo sanno, abbiamo un’area attrezzata per i bambini.

Giovedì alle 5 del pomeriggio ci sarà un raduno del Gruppo Mamme. Tutte coloro che vogliono entrare a far parte delle Mamme sono pregate di rivolgersi al parroco nel suo ufficio.

Il gruppo dei volontari ha deposto tutti gli indumenti. Ora li potrete vedere nel salone parrocchiale.

Martedì sera, cena a base di fagioli nel salone parrocchiale. Seguirà concerto.

Il gruppo di recupero della fiducia in se stessi si riunisce giovedì sera alle 7. Per cortesia usate la porta sul retro.

Venerdì sera alle 8 i bambini dell’oratorio presenteranno l’«Amleto» di Shakespeare nel salone della chiesa. La comunità è invitata a prendere parte a questa tragedia.

Un nuovo impianto di altoparlanti è stato installato in chiesa. È stato donato da uno dei nostri fedeli, in memoria di sua moglie.

Care signore, non dimenticate la vendita di beneficenza! È un buon modo per liberarvi di quelle cose inutili che vi ingombrano la casa. Portate i vostri mariti.

Tema della catechesi di oggi: «Gesù cammina sulle acque». Catechesi di domani: «In cerca di Gesù».

Maria è ancora in ospedale e ha bisogno di donatori di sangue per trasfusioni. Ha anche problemi di insonnia e richiede le registrazioni delle catechesi del parroco.

Il coro degli ultrasessantenni verrà sciolto per tutta l’estate, con ringraziamenti di tutta la parrocchia.

Il torneo di basket delle parrocchie prosegue con la partita di mercoledì sera. Venite a fare il tifo per noi mentre cercheremo di sconfiggere il Cristo Re!

Il costo per la partecipazione al convegno «Preghiera e digiuno» è comprensivo dei pasti.

Il concerto parrocchiale è stato un grande successo. Un ringraziamento speciale va alla figlia del diacono, che si è data da fare per tutta la sera al pianoforte, che come al solito è caduto sulle sue spalle.

Per favore mettete le vostre offerte nella busta assieme ai defunti che volete far ricordare.

Ringraziamo quanti hanno pulito il giardino della chiesa e il parroco.

Il parroco accenderà la sua candela da quella dell'altare. Il diacono accenderà la sua candela da quella del parroco e voltandosi accenderà uno a uno i fedeli della prima fila.

Amen.




permalink | inviato da il 23/11/2004 alle 0:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


22 novembre 2004

>ESPROPRIO PROLETARIO

Questa mattina la «Feltrinelli international» di via Zamboni ha svuotato il magazzino. Immediatamente la campana della raccolta differenziata della carta è stata presa di mira da chi tra quei vecchi libri cercava i testi di una vita. L’hanno sfondata e rovesciata in mezzo alla strada, e si sono avventati sopra ridendo e litigando col vicino colpevole soltanto di aver adocchiato per primo il volume tanto amato.

No, l'ultimo di Vespa non c’era. Ma sarebbe ancora lì.




permalink | inviato da il 22/11/2004 alle 16:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


21 novembre 2004

>GRAN MESTIERE

Eccolo un film storico talmente scrupoloso e rigoroso da apparire quasi come un affresco sontuoso. Dovizioso fin nei minimi dettagli, Ermanno Olmi taglia corta ogni superfluità e inutilità e racconta facendo raccontare una vicenda di guerra in uno degli snodi della Storia. Pietro Aretino, anche fuori campo, fa girare la vicenda attorno a Joanni de Medici, ma soprattutto attorno ad una guerra che si svolge tutta fuori dai campi di battaglia. È l’«artellerja», nuova e terribile, «A cambiare le guerre, ma sono le guerre a cambiare la Storia». E naturalmente la politica dei potenti a decidere la guerra che cresce e si sviluppa solo a causa della divisione tra gli uomini. La strategia non conta nulla, il valore riecheggia nella memoria delle genti, il coraggio è quello dei quattro giorni di agonia culmine e splendore di tutta la vicenda. Fuori da tutto, ma dentro alla convenienza offerta da Carlo V, Alfonso d’Este cede le nuovissime e grandiose bombarde da palla al vecchio generale alemanno, determinando e decretando il tragico destino di un protagonista che si cerca costantemente di umanizzare. Il tutto tra la clamorosa forza di immagini e dettagli e l’invariabile registro espositivo dell’equilibrio e dell’accurata riflessione.

Il mestiere delle armi (id., Italia/Francia/Germania/Bulgaria, 2001, dvd)
Regia di Ermanno Olmi




permalink | inviato da il 21/11/2004 alle 20:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

sfoglia     ottobre   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7  >>   dicembre
 

 rubriche

Diario
Manfreda
Oggi, ieri
Scolpito
Cinemio
Ego
Mazziniana
Proscenio

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

COMANDO GENERALE
>Alcestis
>burning bright
>Clueless
>Estremo occidente
>gigante blu
>marioadinolfi
>mewe
>plurale
>precipitazioni sparse
>Pulp Fiction
>Riformismi
>Rimbalzi
>stefanello
>The Soppy Raccoon
>ValMadlene
>Vertigo
>Zitti al cinema.

UNITÀ CINEFILA
>A lost girl
>Ambiguo pesce
>cinemavistodame
>comavigile
>Cooper
>Desordre
>Diciassette pollici
>[di passaggio]
>Directedby
>emanuelazini
>filmleo
>freestate
>gozu
>grazie, davvero
>Ile de France
>Il Perditempo
>Il weblog di Gokachu
>Insegna provvisoria
>Memorie di un Giovane Cinefilo
>Murda Moviez
>secondavisione
>sgomberonte
>Soft Bullettin
>spoiling days cinema
>The Critic
>Xanadu

UNITÀ POLITICA
>Butirrometro
>carlomenegante
>CeceniaSOS
>esperimento
>Galileo
>harry's blog
>herakleitos
>il salotto di avy candelotto
>inoz
>invarchi
>kamau
>liberissimo
>malvino
>olifante
>santaopposizione
>titollo
>Waterġate

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom